Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun Commento

Natura nella zona VALLI GESSO E VERMENAGNA - Rerum Natura

Natura nella zona VALLI GESSO E VERMENAGNA

| On 23, nov 2014

Il Parco Naturale Alpi Marittime

Il Parco Regionale è stato creato nel 1980 per tutelare l’ambiente e la fauna che costituivano un tempo la Riserva di Caccia dei Savoia; dal 1995, a seguito della fusione con la Riserva del Bosco e dei Laghi Palanfrè ha assunto la denominazione attuale. E’ il più esteso parco piemontese e tra i più vasti d’Italia. Numerose cime oltre i 3.000 metri, laghi, praterie, piccoli ghiacciai, l’abbondanza di fauna alpina e di specie botaniche costituiscono un patrimonio ambientale unico. Gemellato dal 1987 con il Parco nazionale francese del Mercantour da cui confina eprotegge un’area, a cavallo delle Alpi, di 100.000 ettari che, nel 1993, ha ottenuto il Diploma europeo per l’ambiente. L’ambiente naturale, la flora e la fauna sono straordinariamente vari e tipici: ciò è dovuto all’incontro della catena alpina con il mare (da qui il nome Alpi Marittime). E’ possibile osservare il camoscio, simbolo del Parco ma anche lo stambecco, la marmotta, la volpe, l’aquila, il gipeto. Il Parco dispone di numerosi centri visita ed informazioni per conoscere al meglio la natura e la cultura dell’area protetta.

La flora

La flora delle Alpi Marittime ha caratteristiche uniche al mondo. Nel solo territorio del Parco sonoconosciute 1500 specie e tra queste una trentina sono endemiche, cioè esistono solo qui. La ragione di questa ricchezza risiede, oltre che nella grande varietà di substrati geologici, nella sua particolare collocazione geografica che lo vede al centro di tre domini floristici: il Mediterraneo a clima temperato umido, il Montano freddo e abbondanti precipitazioni ed il Medio europeo dal clima tipicamente continentale con forti escursioni termiche. Alcune delle specie endemiche sono tipiche dei substrati acidi, di origine metamorfica: Saxifraga florulenta, Silene cordifolia, Viola valderia, Viola argenteria; altre di origine sedimentaria: Primula allioni, Silene campanula, Galeopsis reuteri. Per facilitare la conoscenza della flora e vegetazione del Parco, alle Terme di Valdieri, è stato allestito il giardino botanico alpino Valderia (aperto dal 15 giugno al 15 settembre). In quattordici ambienti naturali o ricreati artificialmente sono raggruppate oltre 400 specie.

La fauna

Gli animali sono parte importantissima del complesso ecosistema del Parco. Poche aree protette
possono vantare una ricchezza faunistica come quella del Parco naturale delle Alpi Marittime perché
la fauna, sebbene con finalità molto differenti, gode della tutela dal 1857 anno in cui Vittorio
Emanuele II istituì la riserva di caccia. Da allora il camoscio, grazie anche all’ habitat favorevole, ha
raggiunto densità importanti (circa 5.000 animali) tanto da risultare tra le più consistenti delle Alpi.
Alla presenza della riserva si deve anche lo stambecco. Questo, estinto da tempo, fu reintrodotto,
negli Venti da Vittorio Emanuele III, dal Gran Paradiso. Dalla ventina di capi iniziali oggi si è giunti ad
oltre 500 animali senza contare quelli insediatesi nel vicino Parco del Mercantour e in Valle Stura.
Altri ungulati presenti sono il cinghiale, il capriolo, animali più schivi e difficili da osservare anche per
il tipo di ambiente che abitualmente frequentano: il bosco. Nell’estate è possibile l’incontro con il
muflone, proveniente dal Parco del Mercantour. Per i suoi caratteristici fischi, le posizioni che
assume sulle rocce, il correre goffo ma agile, la marmotta è uno degli animali che sanno attirarsi le
simpatie dei visitatori, soprattutto dei più piccoli. L’avifauna comprende quasi tutte le specie tipiche
dell’arco alpino occidentale dal gallo forcello, alla pernice bianca, alla moltitudine di passeriformi.
Sette le coppie di aquila e molti altri rapaci tra i quali il gipeto che è in corso di reintroduzione
nell’ambito di un progetto europeo. Spontaneo invece il ritorno del lupo che ponendosi al vertice della
catena alimentare, per il suo ruolo di predatore, costituisce un elemento insostituibile per
l’ecosistema delle Marittime.

 

Fonte: http://www.turismocn.com/ur/VALGESVERM/0/ATTRATTIVE/zonaAreaView.html?filter=NATURA

Loading Disqus Comments ...